Home altre notizie
Notizie Scientifiche
Dispositivo esterno senza fili per il monitoraggio delle aritmie PDF Stampa
Scritto da Luigi de Luca   
Giovedì 23 Settembre 2010 18:36

Un dispositivo esterno senza fili per il monitoraggio delle aritmie:

Impiantato alla Cardiologia universitaria di Catanzaro, l'obiettivo è quello di monitorare il paziente aritmico con tecnologia wireless diminuendo il periodo di ricovero ospedaliero

 

Il sistema monitora automaticamente 24 ore su 24 ecocardiogramma e frequenza attraverso un dispositivo indossabile aderente da applicare nella regione prepettorale, vicino allo sterno.

La filosofia del dispositivo è quella di monitorare il paziente lasciando a questi la possibilità di svolgere le sue attività quotidiane nell'assoluta tranquillità:

leggi tutto...

 

Luigi De Luca

Share
Ultimo aggiornamento Giovedì 23 Settembre 2010 21:07
 
Prosciutto di Parma... cinese! PDF Stampa
Scritto da Luigi de Luca   
Domenica 19 Settembre 2010 17:54

Ultima frontiera della contraffazione alimentare:

creata una città con lo stesso nome della nostra dove si producono salumi e si allevano suini.

Per il momento è solo un puntino sulla enorme carta geografica, un puntino  a sud ovest di Pechino nella provincia del Ganzu. E' lì che, conoscendo i tempi cinesi, in pochissimi mesi sorgerà Parma per potere così battezzare col prestigioso nome mondiale i prosciutti made in Cina. E' l'ultima  frontiera della contraffazione alimentare: uno stratagemma toponomastico che permetterà ai produttori suinicoli con gli occhi a mandorla un bel valore aggiunto, poter produrre prosciutti "Made in Parma" con tanto di denominazione di origine protetta.
I danni della contraffazione alimentare per l'Italia ammontano a 50 miliardi di euro l'anno. Oltre al prosciutto il principale oggetto di imitazione sono il parmigiano reggiano e il pomodoro.

leggi tutto...

Luigi De Luca

Share
Ultimo aggiornamento Domenica 19 Settembre 2010 18:10
 
Bomba calorimetrica - come vengono calcolate le calorie di un alimento PDF Stampa
Lunedì 26 Aprile 2010 21:51

Bomba calorimetrica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La bomba calorimetrica di Mahler è un apparecchio utile alla determinazione del potere calorifico superiore di un combustibile solido o liquido, per i combustibili in forma gassosa si ricorre all'uso del calorimetro di Junkers.

Il calore prodotto dalla reazione di combustione del combustibile in esame viene assorbito da una massa di acqua o di altro liquido di cui si osserva l'aumento della temperatura.

Essa consiste in un recipiente cilindrico di circa 500 cm3, chiuso con un coperchio a vite, dal quale rientrano due fori verso l'interno. In uno di questi fori è introdotta un'asticella di ferro che regge un crogiolo di platino ed una piccola spirale di ferro. Nel crogiolo viene inserito il combustibile di cui vogliamo conoscere il potere calorifico (di solito 40 cm3) e viene introdotto ossigeno sotto pressione. La bomba viene immersa in un calorimetro colmo d'acqua, munito di agitatore e termometro. Si mette in moto l'agitatore e, quando il termometro legge una temperatura costante, nasce una differenza di potenziale tra le asticelle di ferro la quale fa ossidare la spirale di ferro; da qui si crea la combustione del nostro materiale in esame. Il termometro legge la temperatura, che si alza bruscamente fino ad un certo valore, per poi diminuire lentamente. In tal modo è possibile calcolare il potere calorifico superiore con la seguente formula:

Q_s= frac{(T_2-T_1)(P+A)}{p}

dove T2 e T2 sono rispettivamente le temperature di massima e di minima, P è la quantità di acqua immessa nel calorimetro, A è l'equivalente in acqua del calorimetro e p è la quantità di combustibile utilizzato.

 

Fonte: http://it.wikipedia.org/wiki/Bomba_calorimetrica

Share
 
Vaccini: 7 candidati anti-diabete allo studio, Svezia in prima linea PDF Stampa
Scritto da Gianluca   
Martedì 16 Marzo 2010 20:10

Vaccini: 7 candidati anti-diabete allo studio, Svezia in prima linea

 

Un vaccino contro il diabete potrebbe arrivare nel giro di pochi anni. Sette candidati 'scudi' contro una delle malattia più diffuse del nostro tempo sono infatti allo studio delle aziende farmaceutiche in tutto il mondo, evidenzia una ricerca pubblicata su 'Kalorama Information'. Il primo prodotto a raggiungere il mercato, intorno al 2012, dovrebbe essere quello della svedese Diamyd Medical. E' attualmente in fase III di sviluppo clinico, e potrebbe aggiudicarsi vendite pari a 2,4 miliardi di dollari entro il 2020. La restante parte dei potenziali vaccini si trova invece alla prime fasi di sperimentazione sull'uomo.

I risultati dello studio sul prodotto svedese sono attesi per la primavera del 2011, quando si saprà finalmente se il vaccino sarà in grado di arrestare o rallentare la malattia, restituendo all'organismo la capacità di produrre regolarmente insulina. Il trial di ultima fase comprende anche 640 bambini e adolescenti con diabete di tipo I; i dati di fase II hanno già confermato un sensibile miglioramento fra i pazienti vaccinati rispetto al gruppo sotto placebo, a distanza di quattro anni dalla somministrazione

 

Fonte: dottnet.it


Share
Ultimo aggiornamento Martedì 16 Marzo 2010 20:12
 
“Pancreas artificiale” nuova tecnologia controlla diabete PDF Stampa
Scritto da Gianluca   
Martedì 16 Marzo 2010 20:03

“Pancreas artificiale” nuova tecnologia controlla diabete elimina rischio crisi, già utilizzata da oltre 100 pazienti italiani

Più vicini al pancreas artificiale. A mimarne le funzioni e le caratteristiche principali è un nuovo apparecchio hi-tech, piccolo quanto un cellulare, che inietta insulina e controlla automaticamente la glicemia quasi 300 volte al giorno, eliminando il rischio di crisi ipoglicemiche, una delle complicanze più insidiose della terapia per i pazienti diabetici. Una buona notizia per gli oltre 200 mila italiani, grandi e piccini, con diabete di tipo I e costretti a continue iniezioni di insulina.
Il microinfusore di ultima generazione, prodotto da Medtronic e approvato in 50 Paesi, è arrivato a gennaio in Italia in oltre 200 centri di diabetologia ed è attualmente utilizzato da un centinaio di diabetici nella Penisola. Nei prossimi mesi saranno un migliaio i pazienti che 'indosseranno' il dispositivo.

"E' un ulteriore, importante passo in avanti sulla strada verso il pancreas artificiale, cioè un microinfusore completamente automatizzato che non richiede l'intervento del paziente", commenta Giorgio Grassi, della Società italiana di diabetologia (Sid) e diabetologo all'ospedale Le Molinette di Torino, intervenuto al convegno 'La tecnologia per il diabete', in corso a Roma nella Biblioteca del Senato. In pratica, il sistema funziona come una sentinella, pronta a far scattare l'allarme e a intervenire per impedire che si verifichi una crisi ipoglicemica. Crisi che, in un caso su 3, si manifestano durante il sonno o che non sono precedute da segnali di avvertimento anche per un paziente sveglio. Non di rado la paura delle ipoglicemie spinge i genitori a svegliare il figlio almeno due volte a notte per le misurazioni di rito e il controllo della glicemia.

Fonte: http://www.dottnet.it/5701/%E2%80%9Cpancreas-artificiale%E2%80%9D-nuova-tecnologia-controlla-diabete-elimina-rischio-crisi-gi%C3%A0-utilizzata-da-oltre-100-pazienti-italiani.aspx

Share
 
« InizioPrec.123456789Succ.Fine »

Pagina 8 di 9

feed-image Feed Entries


Powered by Joomla!. Designed by: joomla templates vps Valid XHTML and CSS.