Home altre notizie
Notizie Scientifiche
Francia, un italiano fra i medici dell'anno PDF Stampa
Scritto da Luigi de Luca   
Domenica 19 Dicembre 2010 13:10

Francia, un italiano fra i medici dell'anno: il cardiochirurgo Marco Vola

E' uno dei sei insigniti a Parigi delle  "VICTOIRES DE LA MEDECINE 2010".

Premiato per la tecnica di microdialisi cardiaca che consente un particolare monitoraggio del cuore durante le operazioni.

A soli 38 anni è considerato uno dei migliori chirurghi di Francia e pochi giorni fa è stato uno dei sei insigniti, a Parigi, con "Les victoires de la medecine 2010", prestigioso riconoscimento patrocinato da Alain Carpentier, uno dei padri della cardiochirurgia moderna. Del resto, Marco Vola ha al suo attivo 1.600 "procedure maggiori" di cardiochirurgia e non è un caso se alla sua pur giovane età è responsabile dell'unità e del programma di chirurgia cardiaca mini-invasiva del Centro ospedaliero universitario di Saint-Etienne.

Valdostano di nascita, Marco Vola è uno dei tanti giovani che hanno dovuto espatriare per poter mettere in pratica le proprie idee. Ora in Francia è stato premiato per aver sviluppato e praticato per la prima volta, con l'aiuto del collega Vittorio Mantovani, ricercatore cardiochirurgo dell'Università dell'Insubria di Varese, la nuova tecnica della microdialisi cardiaca. "Si tratta dell'applicazione di una micromembrana dializzante nel muscolo cardiaco  -  spiega Vola - grazie alla quale si può studiare il comportamento del muscolo stesso durante le fasi più delicate dell'intervento cardichirurgico".

Come funziona esattamente questa micromembrana?
"Rilevando la concentrazione interstiziale di alcune sostanze, come il lattato, il piruvato e così via, che indicano la sofferenza cellulare, per studiare il metabolismo energetico dell'organo durante queste fasi delicate".

Qual è l'importanza di questa nuova tecnica?
"La maggioranza degli interventi di cardiochirurgia viene effettuata arrestando il cuore, mentre la circolazione extracorporea sostiene il paziente. Ovviamente la sofferenza del muscolo aumenta con la durata dell'arresto cardiaco. In altre parole, meno dura l'intervento e più è facile far ripartire il cuore. Finora avevamo pochi strumenti per capire quanto le cellule del cuore soffrissero durante gli interventi più lunghi. Con la microdialisi speriamo che diventi più facile proteggere il muscolo cardiaco".

leggi tutto: http://www.repubblica.it/saluto-10241098/

Share
Ultimo aggiornamento Martedì 22 Marzo 2011 10:48
 
Antibatterico dei dentifrici sotto accusa PDF Stampa
Scritto da Luigi de Luca   
Venerdì 15 Ottobre 2010 12:43

Antibatterico dei dentifrici sotto accusa

Il triclosan presente in dentifrici, saponi e cosmetici causa farmaco-resistenza ed è sospettato di provocare alterazioni ormonali

Il Comitato per la sicurezza scientifica dell'Unione Europea sostiene che la capacità battericida di questa sostanza possa promuovere la diffusione di fenomeni di antibiotico-resistenza, fenomeno molto pericoloso che mina l'efficacia dei farmaci.
Il triclosan, infatti, può causare mutazioni genetiche che provocano un aumento delle difese dei batteri contro i medicinali, in particolare il problema riguarda gli antibiotici. Inoltre queste mutazioni possono essere trasmesse ad altri microrganismi, diffondendo così la farmaco-resistenza acquisita. Alcuni studi hanno già individuato alcune mutazioni di salmonella, del batterio responsabile delle infezioni ospedaliere (MRSA) e di E.coli che inducono un certo grado di resistenza al triclosan.
Le aziende produttrici di cosmetici e dentifrici si dividono sulla questione: la GlaxoSmithKline, per tranquillizzare i consumatori, ha deciso di eliminare il triclosan da Aquafresh, Sensodyne e Corsodyl. La Colgate Palmolive, invece, crede che i benefici apportati dall'antibatterico siano più importanti degli eventuali rischi.

E' da notare che il triclosan, secondo quanto rilevato dalle analisi condotte dai Centri statunitensi per il Controllo e la Prevenzione delle Malattie, si rileva nelle urine del 75% della popolazione americana e probabilmente in Europa la situazione è simile.
Infine, un altro allarme arriva dalla FDA (Food and Drug Administration) secondo cui il triclosan potrebbe causare alterazioni ormonali e per questo si stanno conducendo ulteriori studi.

Share
Ultimo aggiornamento Sabato 16 Ottobre 2010 16:46
 
Una compressa per i malati di tumore al polmone PDF Stampa
Scritto da Luigi de Luca   
Venerdì 15 Ottobre 2010 12:36

Una compressa per i malati di tumore al polmone:

Scoperto a Livorno un nuovo farmaco che potrà sostituire la chemioterapia nei pazienti affetti da tumore al polmone con mutazione del gene EGFR, evitandone gli effetti collaterali

Al congresso della Società europea di Oncologia a Milano, Federico Cappuzzo, direttore dell'Unità operativa di Oncologia medica all'ospedale di Livorno, ha presentato un nuovo farmaco capace di bloccare la moltiplicazione di cellule cancerogene.

Le ricerche hanno dimostrato che l'assunzione di questo medicinale da parte di soggetti affetti da carcinoma polmonare, ha riscontrato risultati migliori rispetto al tradizionale uso della chemioterapia, soprattutto per i pazienti che presentano la mutazione del gene EGFR (per lo più donne e non fumatori). Il trattamento con Erlotinib permette di agire in modo più selettivo, riuscendo a impedire lo sviluppo delle cellule cancerogene e a ucciderle, eliminando gli effetti collaterali della chemioterapia.

Share
 
Chirurghi, fuga dalle sale operatorie PDF Stampa
Scritto da Luigi De Luca   
Mercoledì 13 Ottobre 2010 10:53

Chirurghi, fuga dalle sale operatorie: l'Italia "si consola" con i robot

Tremila medici al 112° congresso della Sic per parlare anche del calo delle "vocazioni". Iter formativo lungo, troppi rischi di denuncia: ogni anni le iscrizioni alle scuole di specializzazione calano del 30%. "Tra dieci anni dovremo importare i 'bisturi' dall'estero"

Ci vuole troppo tempo per diventare chirurgo e arrivare a uno stipendio rapportato agli studi; in compenso si rischia continuamente di essere denunciati. Sono queste le ragioni principali per cui negli ospedali "tra dieci anni potremmo non avere più chirurghi italiani". Il paradosso è di Rocco Bellantone, segretario generale della Società italiana di chirurgia (Sic), e sintetizza un fenomeno, quello della fuga dalle sale operatorie, che negli ultimi anni in Italia ha portato a conseguenze in altri tempi incredibili, come le sedi vacanti.

In Italia un neolaureato che vuol fare il chirurgo dovrà studiare intensamente sei anni (ma l'80% degli studenti ne impiega in media due in più per finire), dedicarne altri sei alla specializzazione e poi aspettarne quattro per cominciare a guadagnare quanto i suoi coetanei ingegneri, imprenditori o avvocati. Con la differenza che questi ultimi lavorano e guadagnano in media già da 10 anni.

E' questo uno dei motivi per cui la professione, in crisi un po' in tutta Europa, soffre di un preoccupante calo di vocazioni. Molti si perdono per strada e dopo anni di studio accettano incarichi ambulatoriali e rinunciano a fare il chirurgo tour court".

Se però ogni anno il numero dei laureandi che si iscrivono alle scuole di chirurgia crolla del 30%, non è solo a causa dell'iter formativo troppo lungo. Alla "fuga dalla sala operatoria" contribuisce un fenomeno collegato alla delicatezza della professione ed alla "esposizione" del chirurgo quale primo responsabile in caso di complicanze nel corso dell'operazione. "Otto chirurghi su dieci - spiega De Antoni - hanno almeno un procedimento giudiziario in corso e questo nonostante, secondo gli ultimi dati Ispo (Istituto studi pubblica opinione), il 90% degli italiani dichiari di fidarsi dei medici italiani. I chirurghi però vengono sempre messi sotto accusa e spesso ingiustamente. Lo dimostra il fatto che nove su 10 vengono assolti. Ma anche dopo l'assoluzione la loro vita e il loro approccio alla professione non sarà più lo stesso".

continua a leggere

Share
Ultimo aggiornamento Mercoledì 13 Ottobre 2010 22:27
 
Dispositivo esterno senza fili per il monitoraggio delle aritmie PDF Stampa
Scritto da Luigi de Luca   
Giovedì 23 Settembre 2010 18:36

Un dispositivo esterno senza fili per il monitoraggio delle aritmie:

Impiantato alla Cardiologia universitaria di Catanzaro, l'obiettivo è quello di monitorare il paziente aritmico con tecnologia wireless diminuendo il periodo di ricovero ospedaliero

 

Il sistema monitora automaticamente 24 ore su 24 ecocardiogramma e frequenza attraverso un dispositivo indossabile aderente da applicare nella regione prepettorale, vicino allo sterno.

La filosofia del dispositivo è quella di monitorare il paziente lasciando a questi la possibilità di svolgere le sue attività quotidiane nell'assoluta tranquillità:

leggi tutto...

 

Luigi De Luca

Share
Ultimo aggiornamento Giovedì 23 Settembre 2010 21:07
 
« InizioPrec.123456789Succ.Fine »

Pagina 7 di 9

feed-image Feed Entries


Powered by Joomla!. Designed by: joomla templates vps Valid XHTML and CSS.