Home altre notizie notizie dai professori Partita IVA e specializzazioni mediche
Partita IVA e specializzazioni mediche PDF Stampa
Scritto da admin   
Giovedì 17 Maggio 2018 19:28

Fonte 1: Università La Sapienza di ROMA

https://www.uniroma1.it/it/pagina/faq-medici-specializzandi

 

Posso avere la partita IVA?

È possibile avere la partita IVA solo per fatturare le prestazioni previste dalla legge (attività intramuraria, sostituzioni di medici di medicina generale e guardia notturna, festiva e turistica).

 

Fonte 2: ORDINE DEI MEDICI DI LATINA

http://www.ordinemedicilatina.it/files/LeFAQ_medici_specializzandi.pdf

 

Lo specializzando può aprire partita IVA?

No, tranne nei casi concessi dalla legge. Ovvero quando le ASL lo

richiedono per pagare le sostituzioni di Guardia Medica, Medico di Medicina

Generale e Guardia Turistica.

 

Fonte 3: MED Medicine

http://medmedicine.it/articoli/news-medicina/fisco-previdenza-specializzando#Medico-specializzando-aspetti-fiscali

 

E’ possibile essere titolari di Partita Iva durante la formazione?

Si, questo principio è stato definitivamente ribadito a seguito di interpellanza ministeriale DGPROF/1/p/1.8.d.n.1. del 12/08/2014. Secondo tale interpellanza è consentito al corsista il mantenimento o la nuova apertura della partita IVA per “svolgere tutte le attività rientranti nei compiti del medico previste dall’ACN, ivi comprese il rilascio di certificazioni a titolo gratuito e a pagamento” entro gli incarichi di sostituzione dei medici di Assistenza Primaria.

Si precisa inoltre, che per ogni professionista iscritto ad un albo od ordine non esiste in teoria l’attività occasionale, per cui dovrebbe essere titolare di Partita Iva a prescindere.

Nonostante questo molti medici con un basso reddito, preferiscono la ritenuta d’acconto.

 

 

Share
Ultimo aggiornamento Giovedì 17 Maggio 2018 19:32
 



Powered by Joomla!. Designed by: joomla templates vps Valid XHTML and CSS.